"La maggior parte delle situazioni in cui ci mettiamo
non si sarebbero mai spinte così lontano se non le avessimo aiutate"
José Saramago

logonutri33.png

Condividi...

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I vegetariani presentano un rischio più basso per le malattie cronico degenerative a causa di un introito più basso di grassi saturi e colesterolo. Tuttavia, lo stato di salute dipende anche dagli acidi grassi polinsaturi a lunga catena omega-6 (n-6) e omega-3 (n-3).
Dall'acido linoleico (La), precursore degli n-6, deriva l'acido arachidonico (Aa); dall'acido alfa-linolenico (Ala), precursore degli n-3, deriva l'acido eicosapentaenoico (Epa) e docosapentaenoico (Dha).
La e Ala sono essenziali (solo da fonte dietetica) e da un rapporto elevato n-6/n-3 deriva un eccesso di Aa e una riduzione di Epa-Dha (negativo per la salute). Per aumentare i livelli di Ala, Epa e Dha si suggerisce più pesce a tavola ma l'obiettivo del rapporto ottimale (4:1) n-6/n-3 non è scontato.
La dieta prevalente (western diet) è ricca di n-6 e anche il pesce (allo stato selvatico ricco di Epa e Dha) può contenere troppi n-6 perché si usano oli di semi (ricchi di n-6) nel mangime per acquacultura e nelle fritture (aumento di n-6 per assorbimento). Inoltre, Epa-Dha...

pdf-icon.png Articolo completo
 
 
Powered by Ouram web
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.